Allegro, un po' troppo! - Arte Brachetti
51450
page,page-id-51450,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,eltd-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.2,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,vertical_menu_inside_paspartu,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.1,vc_responsive
locandina Allegro, un po' troppo

ALLEGRO, UN PO’ TROPPO!

 

con Arturo Brachetti e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI

La formula è quella del concerto-spettacolo, che unisce due diverse performance, realizzando un concerto “da vedere” e uno spettacolo “da ascoltare”. Dopo l’esperienza di “Pierino e il lupo”, Brachetti e l’Orchestra Rai si incontrano ancora per dare vita a questo progetto e raccontare in modo divertente il repertorio sinfonico. Un nuovo ambito di confronto per Arturo Brachetti, artista a 360°, trasformista, regista, attore, da sempre amante delle forme di spettacolo trasversali e innovative.
“Allegro, un po’ troppo” è composto da due parti: nella prima è proposto “Pierino e il lupo” di Sergej Prokof’ev, di cui Brachetti realizza un’edizione sorprendente. Arturo si trasforma nei vari personaggi della fiaba, coinvolgendo il pubblico in un gioco fantastico che rende complici gli spettatori di ogni età. Davanti ai loro occhi prendono vita Pierino, il lupo, il nonno ma anche l’anatra, l’uccellino e tutti gli altri protagonisti della fiaba. Ombre, rumori, cambi d’abito e oggetti volanti animano il palcoscenico.

Nella seconda, è proposto un “divertissement musicale”, con Brachetti “mattatore” che si sbizzarrisce: come un cartone animato vivente, racconta con ironia la grande musica, i suoi diversi stili e compositori; non mancano sorprese e colpi di scena, compreso un inedito Arturo-direttore d’orchestra, in vero stile “brachettiano”.

Sul podio il “ghost director” Fabio Gurian, che cura anche gli arrangiamenti orchestrali.

Le illustrazioni e le animazioni della prima parte sono di Andrea Aste; i video sono di Riccardo Antonino – Garybald.

PROMO

GALLERIA